venerdì, marzo 23, 2012

a zonzo


ho accompagnato la mamma a Trento e poi a Mestre, il solito giro marzolino in occasione di un triste anniversario e ne abbiamo approffittato per andare a trovare parenti e amici, sono partita leggera sono tornata pesante: le persone a cui vuoi bene invecchiano, qualcuna affrontando malattie pesanti e vista la lontananza ti viene il magone perchè non sei nemmeno sicura di rivederle e poi ho scoperto che guidare a lungo in autostrada mi fa venire in mente pensieri poco allegri, prima mi faceva questo effetto qui! l'unica cosa positiva è che ho fatto contenta la mamma e ho passato un po' di tempo con lei che è meglio non trascurarle 'ste mamme che poi quando non ce l'hai più le rimpiangi.

mmmmmmmm oggi pensieri cupi, sarà la stanchezza, domani per fortuna è un altro giorno

7 commenti:

il monticiano ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
il monticiano ha detto...

Sono certo che hai dato una gran felicità alla tua mamma e questa è sempre una bella cosa, non solo per lei, anche per te.
Bentornata,
aldo.

Gianna ha detto...

Pensieri cupi, quando si riflette sulla dura realtà...esatto,il pensiero conclusivo.

Blindsight ha detto...

le mamme a volte ci vedono sempre bambine.. e "pretendono", dimenticando che anche se più giovani comunque non siamo più ragazzine: forse sei solo un po' risucchiata, ma va bene così, alla fine sono pensieri che arrivano perché lasci la tua realtà e vivi quella di qualcun'altro, parente o sconosciuto che sia (anche se ormai la realtà, qualunque esa sia, quando la si affronta è sempre un casino per tutti), e comunque bentornata! vedrai che mo ti passa ;)

George ha detto...

Domano è un altro giorno, questo è important.

Isabel ha detto...

Ti abbraccio!

Baol ha detto...

Bisogna sempre andare a zonzo, anche dentro se stessi.

Ciao zefì!