lunedì, maggio 12, 2014

mercatini






fra le innumerevoli cose che faccio da quando sono in pensione ci sono i mercatini domenicali , non sono poi così assidua, ma almeno una volta al mese partecipo, ahimè non ho molta fortuna, se piove sicuramente ho il banchetto all'aperto, se c'è il sole avevo optato per un mercato al chiuso, se partecipo al car boot market è sicuramente in una domenica a piedi, inoltre non sempre l'impresa vale la spesa, però potrei pubblicare uno studio sociologico sugli improbabili acquirenti e anche sugli altri venditori, che poi in massima parte sono artigiani. Per prima cosa ho notato che raramente viene apprezzato il lavoro manuale e di inventiva che c'è dietro a certi oggetti, oppure viene apprezzato ma il prezzo richiesto viene percepito esoso anche se gli stai chiedendo non più di 5 euro che sono veramente ridicoli, un pacchetto di sigarette costa così, e dire che questi mercatini si svolgono generalmente in zone considerate "trendy", frequentate non certo da chi deve svoltare la giornata, tanto per fare un esempio chi va a fare la spesa o a mangiare da Eataly non credo abbia il problema di arrivare a fine mese, perchè di certo non è poi così conveniente comprare cibo e quant'altro lì, ci puoi andare una volta per sfizio o per curiosità, ma non per la spesa di famiglia. Poi ci sono le domande assurde che ti fa la gente


questa è un porta sacchetti della spesa fatto riciclando una manica di una camicia, ora tu cliente come puoi obiettare che è un po' piccola, è ovvio, almeno a me, che è una chicca, uno sfizio, alla terza persona che mi ha detto questo ho sarcasticamente risposto che ahimè non conosco Michael Jordan nè altri giganti, un'altra mi ha chiesto come funzionava, in che senso come funziona? ci metti dentro i sacchetti e l'appendi, ohibò! 




questo è un cuscino-camicia, anche qui le domande idiote su di chi fosse la camicia, ma che ti importa a te? è una vecchia camicia, punto!


vi chiederete perchè ancora mi intestardisco, perchè mi piace il lavoro manuale, perchè poi qualcuno che apprezza lo trovi, certo con i "mi piace" non ci paghi l'affitto, ma a fine giornata torni sempre a casa con qualche storia da raccontare e poi spesso gli amici ti passano a trovare e ti fai qualche bella chiacchierata.

14 commenti:

Gianna Ferri ha detto...

Il mondo è bello, perchè è vario...

Porta pazienza, Zefi.

Ambra ha detto...

Il fatto è che ognuno di noi è talmente abituato ad una profusione di offerte di oggetti di ogni tipo, che ormai si è perso il gusto dei prodotti del lavoro "artigianale" e della creatività. Non so, mi pare sia così.

la volpe ha detto...

Però se ho capito bene, non è solo per i soldi che lo fai.... quindi, continua e divertiti.

Baol ha detto...

A me piacciono tutte un sacco...ma le prime, fatte con i polsini, che sono?

laura a. ha detto...

massima stima! per la capacità manuale e creativa, e anche per la pazienza interlocutoria :-)

domanda tecnica: ma sono mercatini comunali? si paga una quota per lo spazio?

zefirina ha detto...

allora quelli con i polsini sono portaocchiali, diciamo per gli occhiali da presbite, troppo grossi non ci entrano,


i mercatini sono organizzati da privati a cui devi pagare una quota più o meno esosa, alcuni di questi organizzatori sono decisamente antipatici, altri per fortuna molto disponibili, diciamo che alla fine chi ci guadagna veramente sono loro

bilibina ha detto...

Ciao Zefirina, grazie del tuo gentile commento!
Io non ho mai fatto mercatini…non ho molta resistenza fisica..ma ammiro chi li fa!
Ci vuole proprio tanta buona volontà e pazienza con le persone…non tutti capiscono il lavoro che c'è dietro..però a volte c'è anche chi apprezza, per fortuna!
Un caro saluto
Carmen

il monticiano ha detto...

Zefiri' se io avessi solo una piccola parte dell'abilità delle tue mani ed il tuo modo di comunicare col prossimo, a quest'ora sarei un uomo ricco.
Un caro saluto,
aldo.

Arianna Marangonzin ha detto...

Originali idee!
Ciao.

Laura Raffaeli ha detto...

lo fai per soldi o no comunque è un impegno, un lavoro, ore passate a cucire e in un mercatino anziché dall'estetista o davanti a una fiction, quindi va rispettato! sai come sono fatta io, non ho tante buone parole per quelli che sono semplicemente ..stronzi! ciao buona domenica, laura

Nicole ha detto...

sei bravissima ,davvero. Le tue creazioni veramente originali. però è anche vero che persone /famiglie come me cercano di misurare al millesimo le spese . Oggi non ce la facciamo più e chi ha una famiglia come la mia la crisi la sente. però per fare un regalo ,un compleanno un pensierino il prezzo comparato con le deliziose cose che crei ne vale davvero la pena. magari,prova a scrivere qualcosina in merito su un cartello tipo: non hai idea di cosa regalare al compleanno della tua più cara amica? chiedimi come posso aiutarti" !! Oppure se fai oggettini piccoli perchè non proporli come bomboniere? ciao ciao!!

Albachiara ha detto...

Ciao Zefirina, torno dopo tanto tempo e devo dire che hai veramente idee originali e fantasiose, molto carine!! Brava!
Ciao

zefirina ha detto...

Nicole però una famiglia che sta sulle spese non va a fare la spesa (scusa il gioco di parole) da Eataly che non è proprio a buon mercato

comunque ora mi sono iscritta anche a qualche sito per vendere su internet ed ho creato una pagina sempre su blogger, arrivano le prime ordinazioni

grazie dei complimenti

zefirina ha detto...

http://preseperilcollo.blogspot.it/

e su depop, pinterest e etsy dove sono sempre zefirina