mercoledì, febbraio 06, 2013

povere noi



ho ritrovato questa agenda a casa di mia madre, contiene delle piccole perle di saggezza che mettono davvero i brividi:





considerando che all'epoca mia madre aveva già tre figli e presto ne sarebbe arrivato un quarto, e che  lavorava fuori e dentro casa non si capisce come mai a qualcuno sia venuto in mente di regalarle una simile agenda, ogni mese poi ci sono consigli di quello che una brava moglie casalinga dovrebbe fare in casa, non si capisce però il marito in tutto questo cosa faccia, viene menzionato solo come quello a cui non bisogna far mancare cibo, vestiario pulito e persino tanto tanto amore, con eleganza però!!!!!

Per fortuna non mi ha educato seguendo questi consigli, anzi ha sempre spinto perchè fossi indipendente sia di cervello che economicamente, e in effetti mi ritrovo a chiedermi cosa ne sarebbe stato di noi e non avessi avuto il mio lavoro quando è venuto a mancare mio marito, campare con la sua pensione di reversibilità tre figli sarebbe stato veramente duro!

11 commenti:

Adriana Riccomagno ha detto...

Obbabbabia!!!

il monticiano ha detto...

Un'agenda da dare alle fiamme.
Riflettendoci un po', ci sono ancora oggi, anno 2000 e passa, alcune situazioni simili, credo poche ormai.

Alberto ha detto...

Sarebbero, queste pagine, da attaccare in giro per vedere le reazioni in questi tempi diversi da allora. Ciao.

Ambra ha detto...

Il maschilismo non è debellata. Oggi è strisciante, non più così indecente ed esposto a vituperi che non tarderebbero ad arrivare.

Cri ha detto...

Concordo appassionatamente con Ambra. L'emancipazione delle donne, oggi, è spesso finta, e molto più vicina ad un alibi, per i maschi, per campare come fanciulli spensierati ed irresponsabili.

Michele Scaperrotta ha detto...

ciao
Michele

Blindsight ha detto...

molti danni hanno provocato questi libretti: condivido con ambra e cri che non è cambiato molto da quei tempi! se si ascolta progetto donna su raistoria, con interviste e riprese di tanto tempo fa, ci si rende conto che è tutto rimasto fermo, niente è cambiato per le donne e i giovani, nonostante il divorzio.
menomale patrizia che le nostre madri sono state mosche bianche, al tempo stesso penso qualche volta che se m'avesse cresciuta meno sveglia e libera forse oggi, che non ho manco una casa mia per via degli eventi della vota, avrei i palazzi!

Adriano Maini ha detto...

Rimane un documento storico. Per fortuna, faticosamente, la società italiana si é alquanto evoluta, anche se forse non tanto quanto lo era tua madre.

Enly ha detto...

Ho fatto un post contro il mobbing nelle aziende e nelle fabbriche che Vi invito a leggerlo e se volete a commentarlo, e un caso inquietante e ingiusto e in Italia sono in forte aumento i casi di mobbing.

Sandra M. ha detto...

Pensa un po'...anni sessanta!Non è da molto che iniziata, solo iniziata,la faticosa opera di disincrostazione di millenni di sedimenti maschilisti .
Se poi pensiamo che ci HANNO CONCESSO il voto l'altro ieri...

zefirina ha detto...

la mia prima suocera diceva sempre a mia figlia di non fare come lei, la casalinga, ma di lavorare come perchè lei si era sempre sentita invisibile nonostante avesse un marito veramente bravo e attaccato alla famiglia