venerdì, giugno 25, 2010

quando la luce della ragione si spegne


Ahimè, su questo paese il cielo si è oscurato. Dio ha allontanato il proprio volto da questa terra, un fiotto di sangue e di lacrime scorre per le strade di tutte le sue città.
Ahimè, questa terra è stata contaminata, e nessuno sa quando potrà di nuovo essere purificata: con quale penitenza, con quale scotto per la felicità degli uomini si potrà espiare uno scandalo così enorme? Con il sangue e le lacrime, da tutte le strade di tutte le città prorompe il luridume. Tutto quello che era bello è infangato, tutto quello che era vero è azzittito dalla menzogna.
La lurida menzogna assume il potere in questo paese. Rumoreggia nelle sale delle riunioni, dai microfoni, dalle colonne dei giornali, dagli schermi dei cinema. Spalanca le fauci, e dalla sua gola esce un fetore di putrefazione e pestilenza: e sospinge all'esilio da questo paese molti uomini, ma se li costringe, invece, a rimanere, allora questo paese diventa per loro una prigione, un carcere dove non è possibile respirare.
Ahimè, i cavalieri dell'Apocalisse sono per strada, si sono insediati qui e hanno organizzato un mostruoso esercito. Partendo da qui, vogliono conquistare il mondo: questa è la loro meta. Vogliono dominare le terre come i mari. Ovunque la loro mostrosuità dev'essere onorata e adorata. La loro bruttezza dev'essere ammirata come la nuova bellezza. Come oggi si ride di essa, domani ci si dovrà prostrare davanti a lei. Sono decisi ad aggreddire il mondo con la loro guerra, per poterlo poi umiliare e corrompere - come già oggi umiliano e corrompono il paese che dominano: la nostra patria, da cui Dio furente ha distolto il proprio volto, su cui il cielo si è oscurato. La nostte regna nella nostra patria. Malvagi attraversano le sue regioni con grandi automobili, con aerei o in treni speciali. Esaltati, vanno e vengono. Su tutti i mercati cianciano i loro imbrogli. In ogni luogo dove costoro o i loro vili attendenti compaiono, la luce della ragione si spegne, si fa tenebra.

da Mephisto di Klaus Mann

8 commenti:

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Cavolo, sembra proprio un articolo di cronaca italiana tratto da qualche quotidiano ...

zefirina ha detto...

per questo mi ha fatto impressione e l'ho trascritto, sembra proprio che la teoria di GB Vico sui corsi e ricorsi storici sia veritiera

Tintarella di... Luna ha detto...

Ma questo parla dell'Italia???

Baol ha detto...

Una cosa è certa, sul nostro Paese le nubi sono ormai troppe...

Vittoria A. ha detto...

Concordo, sembra proprio riguardare la situazione dell'Italia in questo periodo.

silvano ha detto...

Non c'è bisogno di spiegare nulla, è molto chiaro, no?

Marina Salomone ha detto...

Esatto, si adatta perfettamente a questo attuale contesto :-(

Paola dei gatti ha detto...

solo la grande livellatrice può levarci dai piedi lui ed i suoi accoliti...ma deve essersi comprato pure quella

paola facelli alias paola dei gatti \ viden del mio blog

http://gattiblog.typepad.com/