domenica, aprile 22, 2007

5 incipit

difficile scegliere i 5 libri prefertiti, come scrive ed ora sono questi ma potrebbero essercene degli altri:

Quando il fittavolo Oak sorrideva, gli angoli della bocca gli si slargavano fino a trovarsi a esigua distanza dagli orecchi: gli occhi gli si riducevano a due fessure; e apparivano loro intorno certe grinze divergenti che si stendevano sulla sua fisionomia come i raggi di un rudimentale abbozzo di sole nascente.
(Via dalla pazza folla di Thomas Hardy)


Mi ha chiamata per nome, ecco tutto. "Martha", ha detto e io mi sono resa conto che mi stava succedendo di nuovo. Le gambe mi tremavano sotto la lunga tovaglia bianca e benchè non fossi affatto brilla avevo la mente confusa. Mi capita tutte le volte che mi innamoro. Lui era seduto di fronte a me. Un uomo da amare. Di mezza età. Occhi azzurri. Cappelli rossicci. Stanno ingrigendo, e lui li pettina in modo che le ciocche grigie coprano quelle bionde, come fanno altri uomini per dissimulare l'incipiente calvizie.
(Un cuore fanatico di Edna O'Brien)


Myriam,
tu non mi conosci e, quando ti scrivo, sembra anche a me di non conoscermi. A dire il vero ho cercato di non scrivere, sono già due giorni che ci provo, ma adesso mi sono arreso.
Ti ho vista l'altro ieri al raduno del liceo. Tu non mi hai notato, stavo in disparte, forse non potevi vedermi. Qualcuno ha pronunciato il tuo nome e alcuni ragazzi ti hanno chiamato "professoressa". Eri con un uomo alto, probabilmente tuo marito. E' tutto quello che so di te, ed è forse già troppo.
(Che tu sia per me il coltello di David Grossman)


In principio c'è una famiglia. Non è niente di eccezionale, è una famiglia normalissima, proprio come la vostra e la mia.
Questa famiglia è composta da cinque persone. Il padre si chiama Ben. Ha quarantacinque anni , è pelaticcio e ha un accenno di pancetta. Lavora in proprio e porta a casa il pane. Vuole bene ai figli e non picchia la moglie.
Rose è la madre. Ha quarantadue anni, ed è un po' affaticata da vent'anni di guerra con il giro vita. E' una madre affettuosa, una massaia efficiente e non tradisce Ben.
I figli sono tre. Hanno un'età compresa tra i sei e i diciasette anni. Si danno grande importanza, ma, per quanto ci riguarda, per il momento saranno semplicemente i Figli.
(la metà di niente di Catherine Dunne)
piccola nota autobiografica, questo libro l'ho letto poco dopo la morte di Tonino, lui aveva 44 anni, i capelli e niente pancetta, io di anni ne avevo 40 e i figli erano tre di età compresa tra i tre e i diciasette anni.


Ci sono volte in cui passiamo da ciò che è normale allo straordinario così, naturlamente, senza sapere come. Dalla successione farraginosa di gesti, movimenti e percezioni che continuano a ingrossare la massa amorfa della quotidianità, se ne distacca uno, apparentemente insignificante, e spicca come la nota stonata sul pentagramma risuonando nell'aria col ronzio di un moscone, che cosa succede, c'è stata un'avaria o forse è l'inizio di qualcosa di nuovo, ci guardiamo le mani, le ginocchia, che cosa si è trasformato, dove è che devo puntare l'attenzione, non lo so. E sopraggiunge la paura e la paralisi.
(Lo strano è vivere di Carmen Martìn Gaite)


passaparola


tutte rigorosamente appartenenti al genere femminile

15 commenti:

Grazyana ha detto...

Bene bene, adesso vado di fretta appena ho un attimo di tempo, farò un post apposito ;)

lasposina ha detto...

oh, mamma mia...ora ci devo riflettere un attimino! vabbè, vado allora...!!

Ed ha detto...

Grazie per aver partecipato, divoratrice di libri! ;-)

Morgan ha detto...

Subodoro sessismo qui! ;)
Zefirì, ti ho citato oggi nel blog... :)

Bloggointestinale ha detto...

mi sa che sonia avrà nessuna voglia di bloggare, eh. son periodi. adesso preferisce vivere poi si vedrà.

gidibao ha detto...

Grazie zefirina per questa ottima lista di libri ;-)
Non ne ho letto nemmeno uno, ma dagli incipit pare che siano molto interessanti.

Buon blogging :-)

zefirina ha detto...

meno male per sonia, ma non credo che per nessuno di noi il blog sia semplicemente un ripiego, sarà che io sono una vulcanica trottola il blog non mi sottrae il tempo dedicato ad altri hobby

zefirina ha detto...

@morgan aridanghete (come diceva nino manfredi) co' sto' sessismo, è che in genere noi gentili signore leggiamo di più.. è risaputo

zefirina ha detto...

dato che artemisia il compito ce l'aveva già assegnato e che sonia è dispersa passerei il testimone a lophelia e a rodo

Prof.Spalmalacqua ha detto...

Quando il fittavolo mi ha chiamata in principio sorrideva; Tu non mi conosci, ci sono volte in cui è difficile scegliere i 5 libri preferiti.
Prof.Spalmalacqua

artemisia ha detto...

Zefirina, Gidi ti ha battuta in volata, ma insomma io ho postato...
e grazie per aver pensato a me!

zefirina ha detto...

@arte pazienza....
@prof. benvenuto, lei ha perfettamente ragione è sempre difficile scegliere, scegliere poi 5 libri.... per me che li divoro da quando ho cominciato a sillabare....
(fosse stato uomini sarebbe stato più facile) (qui si che viene fuori il sessimo)

marco ha detto...

...grazie per la comprensione ... :-)

zefirina ha detto...

marco perchè ti senti incompreso?????

marco ha detto...

hi .. era una battuta sulla facilità di scegliere i 5 uomini...sempre più razziste voi donne eh ... ;))