domenica, febbraio 08, 2015

Senza alcuna spiegazione








Ho taciuto
per molto tempo


Non le mie parole
né la mia penna
hanno tracciato il segno alla giornata
Questi son tempi in cui dire non serve
ed anche scrivere
sai, non cambia nulla
Intorno han costruito la gabbia
ed il ruggire ora
serve solamente a divertirli
Hanno per ogni nostro verbo
la giusta confezione
Per ogni male
inventano un vaccino
Per ogni favola
comprano un lieto fine
che non racconti la rabbia
le solitudini, il sangue
che ci nasconda il vero
perché ci insegni
a pensare come loro
ed a parlare
ed a scrivere
le loro parole
ad esser docili
Anche l’amico di ieri
con cui sognasti
il tuo sogno
oggi è cambiato
Si nutre al loro desco
veste gli stessi vestiti
Cambiare tutto…
per non cambiare niente
Perché le parole
che servono per noi
son sempre quelle
se abbiamo smesso di inventare domande
a cosa mai potrà servire aver risposte? 

Giandiego Marigo

3 commenti:

il monticiano ha detto...

Parole molto dure che lasciano trapelare molta amarezza.

Luisa Napolitano ha detto...

ciao! Bel post e bel blog... mi sono appena iscritta!
Ho da poco aperto un nuovo blog anche io... Ti va di passare a dare un'occhiata?

www.luisanapolitano88.blogspot.it

Arianna Marangonzin ha detto...

Indimenticabile Baroni!
E bel post!