domenica, gennaio 06, 2013

why




Quante volte devo provare a dirti
Che mi dispiace per le cose che ho fatto
Ma quando inizio a farlo
Tu mi dici: hey… questo tipo
Di problema è solo l'’inizio.
Dico a me stessa così tante volte:
Ma perché non impari mai
A tenere la boccaccia chiusa?
E’ per questo che fa così male sentire le parole
Che continuano a caderti dalla bocca
caderti dalla bocca
caderti dalla bocca
Dimmi… perché, perché

Posso essere matta
Posso essere cieca
Posso essere crudelmente insensibile
Ma riesco ancora a leggerti nel pensiero
Ed ho sentito dire troppe volte:
E’ meglio che tu te ne vada
Inoltre…
Perché non riesci a vedere che questa nave sta affondando
Andiamo sulla riva dell’acqua
Possiamo far naufragare questi dubbi
Alcune cose è meglio non dirle
Ma ancora mi sconvolgono
mi sconvolgono
mi sconvolgono
Dimmi… perché
Dimmi… perché

Questo è il libro che non ho mai letto
Queste sono le parole che non ho mai detto
Questo è il sentiero che non ho mai percorso
Questi, invece, sono i sogni che io farò
Questa è la gioia che raramente si diffonde
Queste sono le lacrime…
Le lacrime che abbiamo versato
Questa è la paura
Questo è il terrore
Questi sono i contenuti della mia testa
E questi sono gli anni che insieme abbiamo trascorso
E questo è quel che rappresentano
Ed è così che mi sento.
Sai come mi sento?
Perché non penso che tu sappia cosa provo
Non penso che tu sappia cosa provo
Non penso che tu sappia cosa provo
Tu non sai cosa provo 














13 commenti:

Sandra M. ha detto...

Sì, sono lame. Sono lame le parole. Lame affilate e taglienti.
Buon Anno Nuovo Zefirina

Sandra M. ha detto...

Dimenticavo: bellissimo testo. E anche Lei è bravissima.

Adriano Maini ha detto...

Devo, una volta per tutte, dire che sei una fine ricercatrice di versi! E un'intenditrice di buona musica!

Monica Nardella ha detto...

l'ho ascoltata tutta. La conosco ma... in determinati momenti, alcune canzoni hanno il potere di farti credere che sia la prima volta che le ascolti. Forse perché stai più attento al testo, più predisposto a capirne il senso... Lei è bravissima e ha una voce...

zefirina ha detto...

monica anche io lì per lì non l'avevo riconosciuta e mi sembrava nuova, poi alle volte sembra che passino certe canzoni alla radio proprio per sottilineare il tuo stato d'animo, lei è bravissima ed ha una voce portentosa

sandra buon anno anche a te

adriano grazie

Adriana Riccomagno ha detto...

Adoro questa canzone! Ed è una di quelle in ballo per me da cantare al saggio di fine anno, ma probabilmente alla fine vincerà She will be loved dei Maroon5.

Cri ha detto...

Oddiooooooooooooo
Io amo infinitamente questa canzone, e siccome non mi ricordavo più chi la cantava (ignorante che sono!!!) sono mesi che mi rompo la testa a cercare di raccattarmela nei cocci della mia memoria dopo averla risentita quest'estate alla radio durante uno dei miei viaggi di linimento alla mia malattia dell'anima di allora... Oh, Pat, non ho parole per ringraziarti!!!
<3

Cri ha detto...

(Annie è grandissima. E com'è bella in questo video, struccata, così vera)

il monticiano ha detto...

Da tanto, troppo tempo non ascolto radio, dischi ecc, pertanto non conoscevo la cantante e neppure la canzone.
Vedendo il video, ascoltando la bella voce della bellissima cantante e la musica, leggendo infine le parole dico che ho gradito molto il tutto.
Grazie Zefirina.

il monticiano ha detto...

ps. sì, vero, non sono solo canzonette è molto di più.

Gianna Ferri ha detto...

Come ci si ritrova in pieno in certe canzoni...

Enly ha detto...

Tu chi voterai le prossime elezioni nazionali? Io mi sa che lo sai...

Ambra ha detto...

Eccomi di ritorno. Buon Anno Zefirina. Splendido questo testo.