giovedì, gennaio 12, 2012

in amor vince chi fugge?

a volte mi chiedo se poi le tattiche suggerite dalle frasi comuni funzionino davvero, più spesso mi chiedo se sia meglio rincorrere una persona a cui tieni oppure lasciarla andare senza combattere, perchè poi mica puoi tenere le persone al guinzaglio, non le puoi controllare, non puoi farci niente se vedete, sentite e vivete la vita in maniera diversa se non opposta, ovvio che se la scelta fatta dall'altro è chiara e definitiva il problema non si pone nemmeno, almeno per me, sono sempre stata della scuola del chi mi ama, mi segua, se non mi amate o non mi amate più non sarò certo io a volervi per forza, non è una questione di orgoglio ma semplicemente di buon senso, non ci si può far amare contro la volontà altrui, ma quando invece i segnali sono contraddittori è spiazzante, non si sa proprio come agire e se l'altro non è nemmeno disposto a chiarire, non è facile trovare una soluzione. Una cosa l'ho però capita da un pezzo: la paura regna sovrana, in molti hanno paura di mettersi o rimettersi in gioco, di sostenere una relazione, persino di iniziarla, come vira verso qualcosa di più intimo si trovano in difficoltà, si sentono confusi e preferiscono scappare via, rinunciare, per paura di soffrire, io invece preferisco rischiare, so cosa vuol dire stare male per qualcuno che non c'è più, se sono sopravvissuta ad un lutto, e poi alla fine di un'altra bella storia d'amore, so per certo che ce la farò sempre, per fortuna posso contare su molte risorse interiori e sicuramente posso contare sull'aiuto e l'affetto dei miei amici.


12 commenti:

Isabel ha detto...

non saprei...io l'amore non l'ho ancora ben capito!

antonio ha detto...

non è detto che sia proprio vero.
Io sono dell'avviso che se esiste un sentimento è meglio coltivarlo per rafforzarlo...non si deve avere paura e scappare a priori.

Alberto ha detto...

Quando i segnali sono contraddittori se ci si tiene veramente alla persona bisogna andare avanti. Può anche darsi che questi segnali siano confusi solo per noi.

Gianna ha detto...

Noi donne siamo più determinate.

serenella ha detto...

Fa paura l'amore vero, un rapporto impegnativo. Con gli anni è ancora più forte questa paura, perchè hai amato, forse sbagliato e sofferto. Dunque, si scappa. E l'altro rincorre...e non so se fa bene. Comunque....l'importante è amare, provare questa emozione bellissima.

Adriano Maini ha detto...

A volte le incomprensioni possono essere superate, altre volte sono di fondo. Ma tu sai, credo, il fatto tuo.

Adriano Maini ha detto...

A volte le incomprensioni possono essere superate, altre volte sono di fondo. Ma tu sai, credo, il fatto tuo.

la signora in rosso ha detto...

tra persone adulte è meglio essere chiari...non è più tempo dei giochi. Io sono come te o c'è il sentimento o non c'è...

garabondo ha detto...

condivido e aggiungo che per me in amore non si vince e non si perde; si stà.

l'innamoramento è una droga naturale che dà felicità e non ti fà vedere le cose come sono.

quando mi capita stò, sono d'accordo con te a garcia lorca,:
anche l'amore può morire,ma avremo dentro e con gli amici sempre, la forza per ricominciare.

buon anno, ti voglio bene e ti sento amica

artemisia ha detto...

Cara Zefi, io non ho mai creduto al vince chi fugge. L'amore o c'è o non c'è, molto semplicemente. Quello per l'inafferrabile, per il fuggitivo, per quello che non dà, non è amore ma dipendenza. È molto simile e si può sbagliarsi, te lo dico perché a me è successo, e credo a molte donne. Sicuramente, chi fugge sempre non ama, o non ama abbastanza. Tu sai cosa fare anche senza i nostri consigli, che sarebbero sbagliati qualunque essi fossero. Però noi ci siamo, e non fuggiremo.

Blindsight ha detto...

anch'io dicevo chi mi amam mi segua, dopo i 40 anni ho dovuto cambiare non ti dico poi da quando sono disabile! però mi succede solo qui in italia, altrove non se le fanno tante seghe mentali, sia uomini che donne

Baol ha detto...

L'amore è un terno al lotto