mercoledì, luglio 06, 2011

parole


Quando io uso una parola, - disse Humpty Dumpty in tono d'alterigia, - essa significa ciò che appunto voglio che significhi: né più né meno.

- Si tratta di sapere, - disse Alice, - se voi potete dare alle parole tanti diversi significati.

- Si tratta di sapere, - disse Humpty Dumty , - chi ha da essere il padrone... Questo è tutto.

Alice era così impacciata che non disse nulla, e dopo un minuto Umpty Dumpty ricominciò:

- Alcune di esse sono intrattabili... specialmente i verbi sono orgogliosissimi... con gli aggettivi si può fare ciò che si vuole, ma non con i verbi... Però io so maneggiarle tutte quante. Impenetrabilità! Ecco che dico!

apparentemente non c'entra niente, voglio dire trascrivo un passo di Attraverso lo specchio per parlare di un altro libro, ma mi piace questo continuo rimando ad altro che a volte capite leggendo un libro, il fatto che ti faccia venir voglia di leggere o rileggerne un altro, così è capitato con "la manomissione delle parole" di Gianrico Carofiglio, dove l'autore si è divertito, è proprio il caso di dirlo a giocare con continui rimandi e sconfinamenti nel tentativo di spiegarci quel che significano alcune parole, secondo lui, non aspettatevi quindi uno dei suoi gialli, ma un esercizio di stile che potrebbe apparire supponente ma che risulta invece molto interessante.

ovviamente questa recensione favorevole non ha niente a che fare con il fatto di aver partecipato alla presentazione del suo libro alla libreria Le storie ed averne quindi una copia da lui firmata, e nemmeno con il fatto che l'autore mi piace.

12 commenti:

il monticiano ha detto...

A me servirebbe proprio quel libro "la manomissione delle parole" di Gianrico Carofiglio del quale ho già letto Testimone inconsapevole, Ad occhi chiusi, Il passato è una terra straniera, Ragionevoli dubbi, Le perfezioni provvisorie. Questi titoli li ho ricavati dal mio elenco di libri dei tanti autori che piacciono a mio figlio e a me. E' lui che me li procura dopo che in famiglia li hanno letti tutti.

Alberto ha detto...

E quindi non sempre le parole sono pietre.

arte ha detto...

Ho letto "La manomissione delle parole" e lo consiglio a tutti, in questo momento inquietante della nostra storia. Attenzione alle parole, a come se ne abusa e a come l'abuso di certi termini abbia cambiato la nostra realtà.

silvano ha detto...

Le parole sono la plastica della vita e Zefi ne è la sacerdotessa.
;)
ciao, silvano.

Adriano Maini ha detto...

Interrogativi di sempre, quelli sulle parole, credo!

Michele ha detto...

forte!
che potere hanno le parole!
ciao Michele pianetatempolibero

Pupottina ha detto...

di carofiglio ho letto il primo della serie dell'avvocato la scorsa estate e mi è molto piaciuto come scrittore. non solo per lo stile ma per l'analisi che c'è dietro ogni personaggio, ai verbali, alle dichiarazioni... e la ricostruzione delle vicende non è mai banale
^__________^

Veneris ha detto...

..infatti. Sono sicurissimo che se anche l'autore non ti fosse piaciuto la recensione sarebbe stata sempre quella!

Bruja ha detto...

mi sembra un ottimo consiglio di lettura questo...direi che ne faccio tesoro...:-)

zefirina ha detto...

diciamo che quando si tratta di parole, di scoprire quello che significano per gli altri..etc...etcc
sono sempre curiosa

Baol ha detto...

Io sono stato alla sua presentazione a Polignano, anche io ho la copia autografata...insieme a tutti gli altri libri!!! Tiè!!!

:D

lophelia ha detto...

ho letto i gialli di lui e mi sono piaciuti molto, poi dopo averlo visto dal vivo mi è un po' caduto in disgrazia perchè troppo piacione, appunto...:-)