venerdì, giugno 17, 2011

intimità

ad un certo punto della vita, molto dopo che hai passato il mezzo del cammin della tua di vita e di selve oscure ne hai viste e attraversate abbastanza, tuo malgrado, e puoi raccontare di amori felici ma anche di abbondoni, di vicinanze e distanze, ti rendi conto che non è più così facile entrare in intimità con l'altro, non parlo di intimità fisica che è come quando rimetti gli sci o riprendi la bicicletta, parlo del raccontarsi, dell'emozionarsi, del sorprendersi, quello non è affatto così semplice e hai paura che ti si indurisca il cuore, hai paura di perdere quell'incanto, quello stupore che ti ha fatto sempre spuntare un bel sorriso sulle labbra.


6 commenti:

Pupottina ha detto...

sì, la stessa cosa di cui parli si riscontra anche nell'amicizia... mi rendo conto che con le amiche d'infanzia ho un'intimità diversa, consolidata dagli anni... con le amicizie più recenti resta sempre una sorta di distacco o di limite oltre cui non si va e sembrano più conoscenze approfondite, ma non reali amicizie...

Blindsight ha detto...

succede anche a me, ma com'è? che sia un morbo?? :)

zefirina ha detto...

pupottina succede in effetti con molti tipi di relazione

laura sarà l'età ;-)

garabondo ha detto...

ma io credo , cara amica, che quel sorriso, quell'incanto e lo stupore che hai avuto la fortuna di conoscere, ti faccia scudo all'indurirsi del cuore.
che il cuore duro ce lo ha chi non ha mai provati questi attimi eterni.
e quando sarà il momento ti accorgerai senza accorgertene che è di nuovo il momento, e che il cuore è tutto.
dovunque lo giri.

ciao

Adriano Maini ha detto...

C'è molto di vero in queste asserzioni, ma, a fare il pignolo con me stesso, forse non ho sufficiente esperienza in materia.

Anonimo ha detto...

basta cercare i momenti per riviverci.
a me piace anche questo stato di come siamo diventati.
una cena fuori senza prole, un cinema all'aperto, una camminata insieme. portare avanti un progetto tutto nostro, vederlo fallire e riderci sopra.
è un rapporto maturato col tempo. è vero che non ci sono più le strizze allo stomaco del primo bacio o del vederselo arrivare con una rosa per te. adesso ti sorprende con un abbraccio quando meno te lo aspetti e quando capisce che una parola ad ok fa più di tante altre moine. :)
Lauramentre di splinder