lunedì, ottobre 01, 2007

certi amori vanno lasciati andare


magari l'ho già postato, e il bello è che non mi ricordo nemmeno da dove l'ho copiato, lo faccio spesso ..il copiare brani che mi piacciono e che sento così straordinariamente miei, su fogli e fogliettini sparsi che poi decido di riordinare e trascrivere su uno dei miei quaderni, sicuramente questi risalgono a qualche lettura estiva ma nella frenesia di riscrivere i passi ho dimenticato di annotare chi fosse l'autore o l'autrice, (aggiunto dopo: mentre ricopiavo le parole mi è venuto in mente che potrei averle lette in "La madre che mi manca" di Carolin Oates Joyce)






a.... piacciono i grandi amori, quelli faticosi da maneggiare, a lei piacciono i grandi eroi che sono poi sempre dei gran bastardi, quelli che calpestano tutto. Certi uomini sono così, dove passano loro non cresce più l'erba. Sono quelli che ti leggono i pensieri e poi sanno anche aggiungerci qualcosa. Quelli che ti riempiono la vita di un bellissimo niente. A lei piacciono le storie, la gente scandagliata dal di dentro, i rapporti pieni di ansie, tenerezza, di silenzi, a lei piacciono le onde del destino, gli acidi corrosivi delle faccende mai risolte, i profumi delle case avite, il rancido di certi ricordi, le sbucciature degli anni andati a male, le pomate dell'infanzia. E poi certe foto sbiadite che all'inizio sembrano solo fermi immagini messi a fuoco male e invece a riguardarle dopo tanti anni sembrano scattate da Nostradamus.

..........

Nella vita di ognuno c'è un momento in cui il destino ti dice: e adesso arrangiati da sola, ce la puoi fare se lasci andare le cose che se ne vanno, è l'unico modo per restare in piedi e godere di ciò che ti rimane.

Le lacrime si asciugano, la vita in qualche modo restituisce, certi amori vanno lasciati andare.




ogni riferimento a fatti e/o persone esistenti forse non è puramente casuale, ma non te la devi prendere, non c'è rancore in queste parole, sono solo moti improvvisi del cuore, il mio

6 commenti:

Ed ha detto...

Queste parole mi hanno ricordato queste altre:
...
E mi sogno i sognatori
che aspettano la primavera
o qualche altra primavera
da aspettare ancora
fra un bicchiere di neve
e un caffé come si deve
quest'inverno passerà.
...
Ivano Fossati - I treni a vapore.

digito ergo sum ha detto...

E già... ogni riferimento non è puramente casuale... È curioso come la vita, diversa per ognuno di noi, ha trame e intrecci comuni che si susseguono, quasi fosse il naturale prezzo da pagare per vivere. Quasi fossimo tutti legati da un destino in parte comune e in parte da scrivere. Curioso, non trovi...? Un abbraccio

Angie ha detto...

Chi ha lasciato andare chi?
..sono fatti tuoi..hai ragione!!
;-)

zefirina ha detto...

@ed bellissimo quell'album di fossati, ho dei bei ricordi legati ad esso
@dgt è vero a volte sembra quasi che le trame si intreccino e le vite si incontrino
@angie mettiamola così ho metabolizzato la fine di un amore, già da un pezzo a dir la verità però essendo stata una storia importante non la posso dimenticare del tutto

marce ha detto...

cavolo Zefirina. Ti stavo scrivendo qualcosa qui (stavo leggendo i tuoi posts) che mi arriva il commento tuo....Feeling?

zefirina ha detto...

@marce ;-)