mercoledì, agosto 01, 2007

odori

son qui che dovrei concentrarmi sul lavoro, i resoconti di queste ultime sedute estive sono belli corposi, come sempre a fine anno e prima della chiusura estiva i nostri disonorevoli si danno apparentemente tanto da fare, nella mia luminosissima stanza che dà su via del seminario sono in mezzo ad un uragano perchè ho aperto le due finestre che stanno una di fronte all'altra, ma dalla strada arriva un odore di pane appena sfornato e mi confonde, mi fa pensare ad altro: a certi odori che sembrano dimenticati e invece all'improvviso ti arrivano alle narici, odori che sanno di buono, di sapori familiari e ti passa la voglia di lavorare, ti senti prigioniera tra queste quattro mura... è proprio ora di andare in vacanza.
p.s. qualche volta arriva anche l'odore del caffè appena tostato, perchè siamo vicini alla mitica torrefazione della tazza d'oro, dove fanno anche una granità di caffè con panna da asporto che fa la felicità di molti turisti e di altrettanti romani, quando non sale dal vicino convento di frati l'odore di soffritto o di minestra ma quello devo dire non m'ispira pensieri idilliaci ma piuttosto famelici e terreni.

6 commenti:

astralla ha detto...

L'odore di pane appena sfornato mescolato all'attesa delle ferie sono davvero un attrazione quasi irresistibile...Oh..le ferie!
Un abbraccio e grazie di esserci sempre! :)

Luna ha detto...

quando passerò da roma, mi ci porterai, vero, a prendere la granita di caffè con panna?

zefirina ha detto...

luna certo che ti ci porto e se vuoi ti faccio da guida in giro per la città, mi piace riscoprirla con gli occhi da turista

marce ha detto...

Posso venire anche io? Però niente foto... ;-)

zefirina ha detto...

@marce se vuoi provare il brivido di venir scorazzato in scooter accomodati
niente foto che poi ti scoprono

marco ha detto...

ehi , ma sempre a magnà pensate ?
eh eh (risata provocatoria)
hasta siempreeeeeee