mercoledì, agosto 29, 2007

considerazioni

Nel momento in cui ci rendiamo conto di non interessare più a nessuno, nel momento in cui questa consapevolezza, anzichè farci soffrire, ci consola e ci calma, allora non siamo più giovani.
(Le depart pur la fete di Irène Némirovsky)

4 commenti:

Alberto ha detto...

PRIMOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO...
:-D

Preferisco questa: "Non smettiamo di giocare perché invecchiamo; invecchiamo perché smettiamo di giocare..."

Un abbraccio Gerovital :-)

S.B. ha detto...

Meno male, allora sono ancora giovane. (ma la luna la sento solo io ? :-o ).

Gianfranco ha detto...

E' una frottola.
Si soffre anche a novant'anni.

zefirina ha detto...

cari miei ogni tanto mi assale questo dubbio angoscioso: come farà il mio cuore a reggere per altri 20,30? anni i dardi della alterna fortuna??? in am ore e quant'altro?? finora ce l'ha fatta ma ero giovane e pensavo di avere tutta una vita davanti ma ora???