giovedì, luglio 05, 2007

la pazienza è la virtù dei forti

sono uscita a prendere un caffè, premetto che sono vestita di rosso fuoco, quindi decisamente visibile, attraverso la piazza di san Macuto, uno con una Punto proveniente da piazza sant'Ignazio gira precipitosamente e inchioda ad un palmo dai miei bei sandaletti rossi....(ovviamente era distratto e non mi aveva vista) io lo guardo tra l'allibito e l'inc..... e lui sporgendosi dal finestrino mi dice:

ce vo' pazienza!!!


ecco ho trovato l'epitaffio per la mia futura e spero lontana lapide:

ce vo' pazienza

sant'agostino docet o in sintesi: LA PAZIENZA é la virtù per cui si sopportano con rassegnazione le avversità, le noie e ogni cosa molesta.

5 commenti:

Angie ha detto...

Antica e straordinaria saggezza..o paraculaggine romana!..si riescono ad attutire tutte le incavolature..Roma Roma!!
:-D

Alberto ha detto...

Sagge parole, ma continuo a preferire i tuoi post leggeri (Rana, cavaliere nero, etc. - ndr)!!!!!! :-D

Un abbraccio superficiale :-)

Albachiara ha detto...

angie
sono per la seconda ipotesi....

ma quanto ce ne vo'!!!!
Non sempre però si è disposti ad averne...metti che stamattina ti rodeva un pò??

S.B. ha detto...

Simpatico però ! :-)

marco ha detto...

puff... pant..
cavoli , basta mancare qui per un paio di giorni e mettersi alla pari è dura
sei una macchina Zefi...
ce vo' pazienza eh eh