martedì, dicembre 19, 2006

perdita di memoria a breve termine







è un po' di tempo che mi vengono dei dubbi atroci su come si scrivono le parole, mi tocca avere sempre il vocabolario a portata di mano, complice il fatto che il romano raddoppia consonanti dove non dovrebbe e le elimina dove invece vanno!!!

a voi succede ancora di avere dei dubbi amletici o sto sulla via dell'invecchiamento precoce???

mi sono persino comprata delle bustine per la memoria, l'altro giorno sono andata all'upim e dopo una tiritera di una inquilina del mio palazzo che mi ha incontrato e sommersa di parole non mi sono più ricordata che cosa ci ero andata a fare!!!

sigh sigh sarnno i 50 anni che si avvicinano???

7 commenti:

artemisia ha detto...

Dubbi su come si scrivono le parole...prova a vivere per molti anni all'estero e poi mi racconti. Io a volte mi scopro ad usare espressioni fiorentine arcaiche, torno a Firenze e non mi capisce più nessuno (oddio detto così sembra che abbia l'età di Dante...)

zefirina ha detto...

Valentina per esempio ora che vive ad amsterdam ha il terrore che Lorenzo impari sì l'olandese ma poi non sappia scrivere l'italiano, tu con la tua Maria come hai fatto???

lasposina ha detto...

ecco appunto, a em capita sempre di non ricordarmi come si scrivano le parole e più di tutto non mi ricordo le epsressioni, le parole per esprimere il concetto in maniera chiara, sono in una torre di babele, tra inglese, olandese e italiano, aiutooo...

Francesco ha detto...

Pensate che ormai neppure i giornalisti sanno più l'italiano... di che ci preoccupiamo? ;)

lasposina ha detto...

ah, francè, c'hai proprio ragione. bellissima osservazione, purtroppo...

artemisia ha detto...

Maria ha come prima lingua il norvegese. Questo è un fatto che vivendo qui ho dovuto accettare, visto che a parlare italiano con lei sono in pratica solo io. Però capisce tutto quello che dico in italiano, le leggo libri in italiano, guarda la tv italiana, se è in Italia dopo qualche giorno "ingrana" e parla abbastanza bene, anche se le mancano le parole. Adesso sta imparando a scrivere, e per ora non la faccio scrivere in italiano per non confonderla. Non credo sia un problema quando sarà più grande. Non problematizzate, l'importante è avere UNA lingua di riferimento, la seconda (sia l'olandese o l'italiano) si perfeziona in seguito. Non è un problema, è un vantaggio comunque essere bilingue.
Auguri.
:)

Anonimo ha detto...

La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu