venerdì, ottobre 21, 2011

basta un niente


Uno si costruisce grandi storie, questo è il fatto, e può andare avanti anni a crederci, non importa quanto pazze sono, e inverosimili, se le porta addosso, e basta. Si è anche felici, di cose del genere. Felici. E potrebbero non finire mai. Poi, un giorno, succede che si rompe qualcosa, nel cuore del gran marchingegno fantastico, tac, senza nessuna ragione, si rompe d'improvviso e tu rimani lì, senza capire come mai tutta quella favolosa storia non ce l'hai più addosso, ma davanti, come fosse la follia di un altro, e quell'altro sei tu. Tac. Alle volte basta un niente. Anche solo una domanda che affiora. Basta quello.

(Baricco)

7 commenti:

il monticiano ha detto...

Alle volte succede e a me è successo specialmente quando alla domanda che affiora non si trova una risposta.

Isabel ha detto...

c'è anche da dire che a volte le domande giuste affiorano, ma la gente per paura di darsi le risposte giuste e per non sopportare il dover continuare a mentire a se stessi, le soffoca per anni e anni

Alberto ha detto...

La domanda è come uno scossone.

Adriano Maini ha detto...

L'importante é riprendere i fili del discorso.

zefirina ha detto...

mi sono pentita di aver domandato perchè la risposta non mi è affatto piaciuta, ora evito più spesso di chiedere.....

Dual ha detto...

Spesso non vogliamo vedere i "tac"..
Gio'
http://remenberphoto.blogspot.com/

Baol ha detto...

Alle volte basta un nonnulla.