mercoledì, ottobre 15, 2008

un blogger devoto

Anche le comunità religiose devono essere al passo con i tempi e allora l'Alleanza evangelica inglese nell'ambito di un convegno fra blogger cristiani ha stilato questi dieci comandamenti sulla falsariga di quelli dettati a Mosé .


Non mettere il tuo blog prima della tua integrità.
Non fare del tuo blog un idolo.
Non fare cattivo uso del tuo nickname sfruttando l'anonimato per peccare.
Santifica le feste concedendoti un giorno alla settimana senza aggiornare il blog.
Onora i tuoi compagni blogger prima di te stesso e non dare eccessivo significato ai loro errori.
Non ledere l'onore, la reputazione e i sentimenti di un altro blogger.
Non usare il web per commettere peccato o per pensare di commettere adulterio.
Non rubare i contenuti altrui.
Non dare falsa testimonianza nei confronti di un altro blogger.
Non desiderare il ranking degli altri blog. Accontentati del tuo.

12 commenti:

silvano ha detto...

C'è qualcosa di profondamente sbagliato in tutte le religioni...
Senza parole.

lasposina ha detto...

non ci credo.
sono d'accordo con silvano.
questi sono pazzi.

Franca ha detto...

I comandamenti si adeguano all'era informatica?
Mi sembra eccessivo...

zefirina ha detto...

c'è sempre l'ansia da parte dei predicatori di codificare tutto, di dare delle regole, probabilmente non si fidano del discernimento dei fedeli

Pellescura ha detto...

Beh insomma...in un certo senso... scagli il primo post chi non ha peccato.

BC. Bruno Carioli ha detto...

Comandamenti, religione, adesso anche per il blog, siamo all'oppio del web ? ;-))

artemisia ha detto...

Mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa.

(ma esistono anche i confessionali sul web? Pubblici, ovviamente)

ahahahah

Simona ha detto...

ih, ih, ih....
mancano Onora il blog di tuo padre e tua madre e Non fornicare mentre aggiorni il blog.

marco ha detto...

il mondo è grande ...
c'è posto anche per questi coglioni

zefirina ha detto...

@simona quando ero piccola questo comandamento del fornicare mi lasciava sempre perplessa, perchè ovviamente dalle suore era l'unico che non ti spiegavano mica per bene cosa non dovessi fare e io pensavo che c'entrassero le povere formiche (mi hanno mandato in prima a 5 anni, questa è la mia scusante)
@marco parole sante
@arte confesso che ho molto peccato anche io ;-)
tu ci scherzi ma secondo me esiste anche la confessione online
@bruno forse si sono accorti che anche un piccolo blog unito a tanti altri piccoli blog...forse...potrebbe dare qualche scossone
@pelle ma anche no

Anna ha detto...

Niente adulterio quindi? Mannaggia, e pensare che avevo riposto tutte le mie aspettative sul web :-)

zefirina ha detto...

anna e facevi male ;-)