domenica, maggio 25, 2008

come si fa

Scinne cu 'mme
nfonno o mare a truva'
chillo ca nun tenimmo acca'
vieni cu mme
e accumincia a capi'
comme e' inutile sta' a suffri'
guarda stu mare
ca ci infonne e paure
sta cercanne e ce mbara'
ah comme se fa'
a da' turmiento all'anema
ca vo' vula'
si tu nun scinne a ffonne
nun o puo' sape'
no comme se fa'
adda piglia' sultanto
o mare ca ce sta'
eppoi lassa' stu core
sulo in miezz a via
saglie cu 'mme
e accumincia a canta'
insieme e note che l'aria da'
senza guarda'
tu continua a vula'
mientre o viento
ce porta la'
addo ce stanno
e parole chiu' belle
che te pigliano pe mbara'
ah comme se fa'
a da' turmiento all'anema
ca vo' vula'
si tu nun scinne a ffonne
nun o puo' sape'
no comme se fa'
adda piglia' sultanto
o mare ca ce sta'
eppoi lassa' stu core
sulo in miezz a via

Vieni con me
in fondo al mare
a cercare
ciò che non esiste quì
vieni con me
e comincia a capire
come è inutile stare a soffrire
guarda il mare
che ci bagna di paure
sta cercando di insegnarcele
Ah come si fa
a tormentare l'anima
che vuol volare
se tu non vai in fondo
non lo puoi scoprire
No, come si fa
a prendere soltanto il mare che c'è
e poi lasciare il cuore per strada
sali con me
e comincia a cantare
con le note che l'aria dà
senza guardare
tu comincia a volare
mentre il vento ci porta più in la
dove esistono le parole piu belle
le raccogli per impararle.

3 commenti:

Blindsight ha detto...

a me vengono i brividi quando sento cantare questo, ..non so perché (è murolo no? o sbaglio?)

zefirina ha detto...

si è murolo, devo dire che sei un po' giù ascoltare queste canzoni napoletane ti strazia l'anima, perchè sono bellissime e toccanti

zefirina ha detto...

paolino mi dirà se la traduzione è giusta, il napoletano lo capisco perchè è un dialetto che ho sempre amato e ho tanti amici lì e persino un nipote