giovedì, agosto 03, 2006

la dama con il liocorno


ieri sera sono andata a vedere la mostra su Raffaello allestita presso la galleria Borghese, non so che dire, mentalmente ho ringraziato il mio vecchio professore di storia dell'arte per le sue spiegazioni, era talmente innamorato lui dell'arte che non potevi fare a meno di seguire le sue lezioni, a volte anche la domenica ci portava in giro per Roma, uscite culturali le chiamava, tutto questo per dirvi che i quadri già li conoscevo ma non tutti li avevo visti dal vivo, per così dire, e mi hanno lasciato ... senza parole, non sono un critico d'arte e quindi non riesco a dirvi niente di più di questo. Forse l'unica cosa che mi ha un po' confusa è stata proprio la cornice, la galleria Borghese è già ricca di suo, di capolavori e questo come dire sovraffolava la vista, però la mostra era ben fatta ed abbastanza ricca. Un piccolo aneddoto che riguarda la "percezione", avevo già visitato la galleria Borghese quando ero piccola, e mai dopo che è stata recentemente restaurata, me la ricordavo enorme, come ricordavo enorme la stanza dove c'è la scultura che ritrae Paolina Borghese, ieri invece mi è sembrata come rimpicciolita, ma forse sono solo io che sono cresciuta.

1 commento:

il massimo dei micheli ha detto...

Che bolgia queste mostre best-sellers, che pipinara scomposta e caciarona, i commenti ad alta voce, la mancanza di atmosfera... Solo ai più immaginifici è permesso isolarsi in una fantasia personale ed entrare in un altra dimensione dove sei solo davanti al quadro... E quindi immagino di essere il proprietario del quadro, all'epoca in cui fu dipinto, quando la sua bellezza era una cosa rara, non come adesso che se tu vuoi puoi scaricare milioni di immagini dalla rete. Che vuol dire questo? Non so...